PALERMO

Bella e caotica, Palermo è una città che sa rapire il cuore di coloro che riescono a guardare oltre l’apparenza e le contraddizioni e a coglierne la bellezza dei suoi tesori nascosti

Tengo il naso all’insù, osservo i palazzi, i balconi rigogliosi, e rimango stupita dalla maestosità degli edifici barocchi e arabo-normanni: secoli di storia, culture e tradizioni, risplendono davanti ai miei occhi.

Cammino senza meta precisa tra le sue vie. Ascolto in silenzio il vociferare di un’umanità variegata e mi lascio trasportare dal vertiginoso barocco delle chiese,  dai mille sapori della cucina di strada e dai colori e profumi delle spezie nei suoi mercati storici…

Oltre alle bellezze artistiche della città, il teritorio circostante è intriso di paesaggi naturali mozzafiato: Scopello e la Riserva Naturale dello Zingaro sono tappe imprescindibili!

14042017-DSC_624914042017-DSC_625214042017-DSC_625714042017-DSC_626214042017-DSC_626414042017-DSC_627014042017-DSC_630114042017-DSC_630314042017-DSC_630914042017-DSC_632814042017-DSC_633714042017-DSC_634314042017-DSC_635014042017-DSC_636014042017-DSC_637414042017-DSC_638014042017-DSC_638314042017-DSC_639115042017-DSC_640215042017-DSC_640615042017-DSC_641015042017-DSC_643615042017-DSC_645115042017-DSC_649915042017-DSC_650715042017-DSC_651815042017-DSC_653515042017-DSC_658315042017-DSC_658815042017-DSC_660815042017-DSC_660916042017-DSC_662016042017-DSC_662316042017-DSC_662816042017-DSC_662916042017-DSC_663316042017-DSC_664316042017-DSC_665716042017-DSC_666316042017-DSC_668516042017-DSC_668916042017-DSC_669616042017-DSC_671616042017-DSC_672316042017-DSC_672916042017-DSC_677916042017-DSC_678216042017-DSC_678716042017-DSC_681016042017-DSC_682217042017-DSC_682817042017-DSC_6833

COSA VEDERE A PALERMO

Cattedrale di Palermo

Palazzo dei Normanni

Castello della Cuba

Castello della Zisa e Museo di Arte Islamica

San Giovanni degli Eremiti

Torre di San Niccolò di Bari (per ammirare la città dall’alto)

Catacombe dei Cappuccini

Museo delle Maioliche

Museo della Marionetta

Orto Botanico

La Kalsa

Vucciria

Ballarò

Mercato del Capo

Spiaggia di Mondello

DOVE MANGIARE

Blanco Pizza e Gourmet

PerciaSacchi

Ciccio Passami l’Olio

UNTO

NEI DINTORNI

Tonnara di Scopello

Riserva Naturale dello Zingaro

Riserva Naturale Monte Cofano

Tempio di Segesta

San Vito Lo Capo

Castellammare del Golfo

48 ORE A COPENHAGEN

Se non fosse per il freddo, Copenhagen è sicuramente una di quelle città in cui vivrei. Meravigliosa, piena di verde e con tantissime biciclette. Da grande appassionata di design,  questa città colorata e accogliente non ha deluso le mie aspettative: giovane, dinamica e cosmopolita ma al tempo stesso rilassante e a misura d’uomo. I ritmi sono diversi dai nostri… I negozi chiudono intorno alle 16.00 e oltre le 22.00 è difficile trovare ristoranti aperti… Nonostante questo, ho apprezzato molto lo stile di vita slow dei danesi, che sicuramente sanno come godersi la vita: non a caso, sono loro gli inventori dell’hygge, l’arte danese della felicità e dei piccoli piaceri quotidiani…

Un weekend solo non basta per vederla tutta, ma con un pò di buona volontà e un paio di scarpe comode, siamo riuscite a toccare tutti i quartieri più belli della città…

Meritano sicuramente una visita, il quartiere storico – Indre By – con il porto di Nihavn, il Museo del Design, il meraviglioso Giardino Botanico e Strøget, la via pedonale più lunga d’Europa, per gli amanti dello shopping. A due passi dal centro, trovate invece Christianshavn, un quartiere pittoresco con edifici del diciannovesimo secolo, affacciati sui canali con case galleggianti e imbarcazioni a vela; qui potrete passeggiare anche per le vie di Christiania, la città libera, ultima grande comunità hippie con un miscuglio di magazzini, baracche, case, murales colorati e sculture all’aperto.

Per vivere l’anima più giovane della città, quello che vi consiglio è di abbandonare i percorsi più classici e turistici ed esplorare i quartieri più cool: Nørrebro, multietnico e vivace ricco di locali e negozietti interessanti ed Østerbro, residenziale, elegante e tranquillo con negozi di design, e la famosa statua della Sirenetta.
Infine, una tappa obbligata per chi ama gli indirizzi alternativi e l’evoluzione urbanistica, è il quartiere di Vesterbro: qui respirerete appieno lo stile di vita sofisticato ma allo stesso tempo rilassato e informale dei danesi (che ci piace tanto).

23042017-DSC_684623042017-DSC_685623042017-DSC_687123042017-DSC_687423042017-DSC_688323042017-DSC_689623042017-DSC_689423042017-DSC_690623042017-DSC_690823042017-DSC_691323042017-DSC_691923042017-DSC_692423042017-DSC_693223042017-DSC_693323042017-DSC_693423042017-DSC_694523042017-DSC_695223042017-DSC_696623042017-DSC_698323042017-DSC_699423042017-DSC_699923042017-DSC_701223042017-DSC_701523042017-DSC_701623042017-DSC_702223042017-DSC_702323042017-DSC_702823042017-DSC_702923042017-DSC_703223042017-DSC_703423042017-DSC_705223042017-DSC_705523042017-DSC_706223042017-DSC_706723042017-DSC_707223042017-DSC_708123042017-DSC_708323042017-DSC_708823042017-DSC_708923042017-DSC_711024042017-DSC_719824042017-DSC_720124042017-DSC_720624042017-DSC_721824042017-DSC_723524042017-DSC_724524042017-DSC_725024042017-DSC_725624042017-DSC_727324042017-DSC_7284

Cosa vedere

Nyhavn

Rundetårn

Botanical Gardens

Amelienborg Palace

The National Gallery of Denmark

Castello di Rosenborg

Designmuseum

National Museum of Photography

Dove Mangiare

Atelier September

Kompa’9

Wulff & Constali

Juice Bar

Café Auto

Beau Marché Café à Vins

ØL & BRØD

Hotel Central and Cafe

Papirøen

Torvehallerne

 

SANTORINI. UN’ESTATE GRECA

Non c’è giorno in cui non pensi a quest’isola. I colori, i profumi, i villaggi abbarbicati
sulla Caldera, la luce abbagliante, sono di una bellezza rara e profonda…

Il nostro viaggio comincia dal villaggio di Oia, un piccolo gioiello situato nella parte settentrionale di Santorini.
La nostra casa è Aspa Villas, situata in una posizione ideale a metà strada tra Oia e il villaggio di Finikia.
È qui che inizia una bellissima storia d’amore con Santorini e il tzatziki…

Oia e Finikia

dsc_0047dsc_0052dsc_0059dsc_0061dsc_0062dsc_0069dsc_0072dsc_0085dsc_0086dsc_0092dsc_0132dsc_0066dsc_0145dsc_0152dsc_0139dsc_0156dsc_0179dsc_0538dsc_0543dsc_0551dsc_0553dsc_0596dsc_0597dsc_0599dsc_0601dsc_0625dsc_0633dsc_0640dsc_0202

Cosa fare

Godersi uno dei tramonti più romantici al mondo, ammirare la vista mozzafiato della caldera, visitare il porto di Ammoudi, il Museo Marittimo e la libreria Atlantis Book.
Non può mancare una passeggiata al piccolo villaggio tradizionale di Finikia, con le sue stradine strette e pittoresche…

Dove mangiare

Meltini
Candouni
Roka
Karma Restaurant
Oia Vineyart
Paradox
Lolita’s Gelato
Finikia Memories
Krinaki
Meze Meze

Ancient Thera

dsc_0217dsc_0235dsc_0241dsc_0243

Ancient Thera, sito archeologico con i resti delle prime civiltà elleniche, è situata su uno dei monti più alti dell’isola, dal quale si può godere di una vista panoramica mozzafiato sulle spiagge di Kamari e Perissa.
È raggiungibile partendo da Kamari, percorrendo una strada suggestiva piena di tornanti.

 Vothonas

dsc_0309dsc_0311dsc_0314dsc_0315dsc_0320dsc_0352dsc_0366dsc_0368

Vothonas, arroccato lungo le pareti di una collina, è uno tra i paesini più pittoreschi dell’isola. Tuttavia, è poco frequentato dai turisti e per le sue vie si può godere di assoluto silenzio. Uno scorcio di vera Grecia…

Dove mangiare

Obbligatoria una sosta ad Aroma Avlis, un’azienda vinicola nella campagna circostante.

Pyrgos

dsc_0403dsc_0410dsc_0430dsc_0446dsc_0487dsc_0450dsc_0500dsc_0454dsc_0452dsc_0496dsc_0503dsc_0524dsc_0530dsc_0531

Questo antico borgo è costruito sulla cima di una collina al centro di Santorini e regala una splendida vista panoramica a tuttotondo dell’isola.
Il villaggio è un labirinto di sentieri, casette bianche tradizionali e chiese, costruite intorno al castello veneziano.

Dove mangiare

Rilassatevi da Brusco, un delizioso caffè dove si possono gustare dolci fatti in casa e acquistare prodotti tipici dell’isola.

Vlychada

dsc_0641dsc_0644dsc_0671dsc_0677dsc_1655dsc_1682

La spiaggia di Vlychada, nella punta meridionale dell’isola, è sicuramente una delle più selvagge e meno turistiche, con le sue imponenti scogliere bianche che la circondano.
La strada che porta alla spiaggia è altrettanto suggestiva e vale la pena fare una tappa per addentrarsi all’interno dell’aspro deserto roccioso.

Dove mangiare

Theros Wave Bar

Emporio

dsc_1705dsc_1711dsc_1722dsc_1726dsc_2272dsc_2279dsc_1736dsc_1749dsc_1772dsc_1777dsc_1808

Emporio, il luogo dove il tempo si ferma. È il genere di posto in cui vorrei restare per sempre…
Ad accogliere i viaggiatori nel piccolo villaggio di una Grecia d’altri tempi, c’è un caffè – To Kafenedaki tou Emboriou – fin troppo bello per essere reale. Qui, puoi gustare una macedonia con gelato e uno yogurt al miele, all’ombra di un pergolato coperto da grappoli d’uva.

Cosa fare

Perdersi nel suo labirinto di viuzze, ascoltare il silenzio e il suono delle campane…

Fira

dsc_1851dsc_1869dsc_1872dsc_1874dsc_1877dsc_1882dsc_1953dsc_1990dsc_1976dsc_1961dsc_1986dsc_2021

Fira, il capoluogo dell’isola, è arroccata su una scogliera a 260 metri sopra il livello del mare.
Il nostro percorso inizia a piedi da Imerovigli, il punto più alto dell’isola. Circa tre chilometri di strada collegano questo incantevole villaggio boutique a Fira. Lungo il sentiero, ogni angolo svela d’improvviso degli splendidi scorci sul vulcano sommerso e sulla Caldera. Il bianco abbagliante delle case, contrasta con il blu intenso del mare: ancora una volta l’isola regala delle emozioni indescrivibili…

Cosa fare

Esplorare il suo centro, molto vivace e caotico, pieno di ristoranti e negozi. Ammirare i meravigliosi ritrovamenti degli scavi di Akrotiri presso il Museum of Prehistoric Thira.

Dove mangiare

Chef’s Garden
Salt and Pepper
Theonis Kitchen
Naoussa Restaurant

Shopping

Under a Fig Tree Boutique

Akrotiri

dsc_2093dsc_2092dsc_2084dsc_2143dsc_2164dsc_2169dsc_2186dsc_2206dsc_2220dsc_2225dsc_2228dsc_2234

Akrotiri è famosa per essere il sito archeologico più importante dell’isola e vanta le spiagge più belle dell’isola: Cambia, Read Beach e Mesa Pigadia.

A Cambia c’è il mare più bello di tutta l’isola, un’acqua trasparente dai toni turchesi. Un ragazzo del posto, che lavora nell’unica taverna presente sulla spiaggia, ci porta con una barchetta a vedere la White Beach, con le sue scogliere bianche, raggiungibile solo via mare.
Red Beach: spiaggia piuttosto affollata ma merita una visita in quanto unica nel suo genere, con le rocce rosse che la sovrastano, in contrasto con i colori dell’acqua.
Mesa Pigadia invece è una spiaggia di ciottoli riparata e quasi completamente isolata, con un’ottima taverna a conduzione familiare.

La sera, per ammirare il tramonto, recatevi al faro di Akrotiri. Rispetto ad Oia, qui si riesce a trovare un posto tranquillo ed appartato per godersi in pace questo meraviglioso spettacolo della natura…

Megalochori

dsc_2292dsc_2297dsc_2298dsc_2310dsc_2314dsc_2321dsc_2324dsc_2334dsc_2346dsc_2365dsc_2371dsc_2386

Nei pressi di Megalochori (precisamente all’uscita del villaggio sulla strada principale Fira-Megalochori), inizia uno splendido percorso nel cuore della Caldera.
Sul cammino, oltre a imbattersi nella cappella di Agios Nikolaos, si possono ammirare panorami mozzafiato, tra i quali la vista unica di Palea e Nea Kamini, le due piccole isole che fanno parte della caldera dell’isola…

Caveland

Se come me, siete amanti dello yoga, in Karterados (piccolo villaggio nei pressi di Fira), potrete seguire le fantastiche lezioni di yoga di Veronika, presso il boutique hostel Caveland, che sorge in un complesso di edifici in pietra pomice di un’antica azienda vinicola.
Il posto è l’ideale per i backpapers in cerca di completo relax e i moderni viaggiatori alla ricerca di posti unici e autentici.